TOP 11: Calciatori di colore che hanno fatto la storia del calcio

A dire la verità con il titolo di questo articolo mi sono trovato in difficoltà in quanto è difficile per me spiegare dove voglio andare a parare.

L’ispirazione me l’hanno data i fatti dell’ultimo week-end calcistico con i tifosi dell’Inter che fischiavano Asamoah e Pogba della Juventus fino al punto da essere squalificati per la prossima gara della Beneamata – ma non sempre ben tifata, è evidente.

Ma questi qualche stagione fa non stravedevano per Eto’o?

Prima di iniziare alcune doverose specificazioni:

A) è evidente che non servirebbe un articolo per sottolineare quanto sia stupido il razzismo, a maggior ragione nel 2013, in una società multietnica come quella in cui viviamo. Purtroppo però questi episodi si ripetono, per cui questo post vuole sottolineare una volta di più che molti dei protagonisti dello sport che amiamo sono e sono stati di colore

B) ovviamente non sono da condannare solo i tifosi interisti protagonisti sabato: purtroppo nel calcio quasi ad ogni latitudine, soprattutto in Italia, si assiste a certi beceri atteggiamenti

C) la “classifica” di per sé non è nemmeno una classifica ed è oltretutto assai personale; chiaro che dimenticherò qualcuno ma come sempre scriverò di getto, come mi viene.

E ora via con 11 uomini che, se mai ce ne fosse bisogno, dovrebbero far capire ancora di più quanto sia stupido il razzismo. Si parla di campioni, di persone di colore, ma soprattutto di uomini. Uomini veri.

Ritratto di Arthur Wharton, primo calciatore professionista di colore la cui storia ho raccontato QUI

#11 – DJALMA SANTOS

Soprannominato “Muralha” (“La Muraglia”) dal famoso scrittore di calcio Eduardo Galeano, Djalma Santos era un terzino piccolo ma solido e potente, fortissimo sull’uomo grazie alla rapidità nel breve che lo contraddistingueva, ma valido anche in fase offensiva, visto che come molti brasiliani era dotato di una tecnica sopraffina, non comune ai difensori.

In quasi 1000 partite disputate in carriera non fu mai espulso, in Brasile vinse 2 “Tornei Rio-San Paolo” e 3 Campionati Paulisti, diventando un’icona della Portuguesa prima e del Palmeiras poi. Con la Nazionale entrò nella leggenda insieme al collega di reparto, Nilton Santos (“L’Enciclopedia del Calcio”), e vinse due Mondiali (1958 e 1962) prima di ritirarsi.

Negli anni ’80 aprì una scuola calcio in Italia dove insegnò ai bambini la cosa che riteneva più importante per sfondare nel calcio: giocare divertendosi.


#10 – Mario BALOTELLI

A soli 23 anni Mario Balotelli è un’icona calcistica e mediatica. Ha vinto una Champions League, seppur da comprimario (ma appena maggiorenne e in mezzo a numerosi campionissimi) con l’Inter, un suo assist è stato decisivo nell’assegnare la vittoria del campionato al Manchester City dopo decenni e tornato in Italia ha trascinato a suon di gol il Milan in una fantastica rimonta culminata con un insperato terzo posto che ha voluto dire qualificazione in Champions League per i rossoneri.

Nato a Palermo da genitori ghanesi ma cresciuto a Brescia con i genitori adottivi, Balotelli è un cittadino italiano a tutti gli effetti ed è oggi il centravanti titolare degli azzurri che si preparano a partecipare ai Mondiali in Brasile.

È un giocatore dai mezzi tecnici e fisici illimitati, certamente ancora da sgrezzare caratterialmente ma con un potenziale così immenso ed un carattere così determinato che assai difficilmente si rassegnerà ad essere una meteora nella storia del calcio. Anzi, Balotelli la storia del calcio vuole scriverla.

Forse da questo deriva il suo carattere, così duro e privo di compromessi, quell’arroganza di chi sa che, se vuole, può spaccare il mondo. Questo giocatore, che sembra nato per dividere – o lo ami o lo odi, o sei con lui o sei contro di lui – potrebbe presto però diventare un simbolo di unione: il simbolo di un Paese finalmente multirazziale.


#09 – Roger MILLA

Roger Milla è uno dei calciatori più importanti della storia del calcio per diversi motivi, ma soprattutto è noto per la sua incredibile longevità: ha infatti giocato nella Nazionale del Camerun per ben 16 anni, partecipando a 3 Mondiali nell’ultimo dei quali (USA ’94) scese in campo e segnò persino una rete a 42 anni compiuti, stabilendo il record sia per il giocatore più anziano ad aver mai giocato un Mondiale sia per il più anziano ad avervi segnato.

Cose che rimarranno a lungo, forse per sempre, nella storia del calcio e nella storia di questo calciatore esploso giovanissimo in Africa, dove segnava quasi un gol a partita, ma che mai ha conquistato con un club la notorietà che ha avuto con la maglia dei Leoni Indomabili.

Una carriera spesa nella periferia del calcio francese senza mai imporsi, tanto che per vincere il secondo scudetto (dopo il primo, vinto giovanissimo in Camerun) dovette giocare nel piccolissimo Campionato di Riunione prima di chiudere a 44 anni in Indonesia, stagione nella quale segnò 23 reti in 23 gare.

Eppure per il suo Camerun è sempre stato un’icona, tanto che fu appunto nella spedizione per USA ’94, dove giocò pochi minuti. Che però gli bastarono, insieme ad un gol, per entrare nella storia.


#08 – EUSÉBIO da Silva Ferreira

Nato in Mozambico, Eusébio è tuttora considerato il più forte calciatore portoghese di tutti i tempi, nonostante la presenza nella storia lusitana di gente come Figo, Rui Costa e Cristiano Ronaldo, solo per dire alcuni nomi.

Fu proposto giovanissimo a diverse squadre italiane, ma nessuno da noi vide in quel giovane e sinuoso centravanti le stimmate di un campione: male per noi, visto che il Benfica lo ingaggiò e poco tempo dopo la stella della “Pantera Nera” esplose in tutto il suo splendore.

Fu grazie a Eusébio che il Benfica vinse la seconda Coppa dei Campioni della sua storia (1962) e sempre grazie a lui il Portogallo fu la rivelazione ai Mondiali inglesi del 1966, cogliendo un terzo posto storico e arrendendosi solamente in semifinale ai futuri campioni dell’Inghilterra; nel primo caso segnò una doppietta nella finale contro il Real Madrid, nell’altro fu addirittura il capocannoniere del torneo con 9 reti totali.

Prima di un ricco declino nell’allora nascente campionato americano (dove comunque conquisto il titolo NASL con Toronto) mise insieme i seguenti trofei: 11 campionati portoghesi (di cui 5 consecutivi), 1 Coppa dei Campioni, 5 Coppe di Portogallo. Fu inoltre Pallone d’Oro nel 1965, capocannoniere ai Mondiali nel 1966, 2 volte Scarpa d’Oro e ben 7 volte capocannoniere del campionato portoghese.

Eusébio dal Mozambico fu dunque un campione, ma anche il primo calciatore africano ad essere conosciuto, temuto e tifato universalmente.


#07 – Arthur WHARTON

Quando il calcio era agli albori, l’Inghilterra era la terra di questo sport: qui il calcio nacque per come lo conosciamo adesso, qui sorsero le prime leggende e le prime storie.

Naturale quindi inserire in classifica Arthur Wharton, il primo calciatore di colore professionista ed il primo a giocare nella Football League. Nato in Ghana, figlio di una donna locale e di un diplomatico metà scozzese e metà grenadiano, arrivò in Inghilterra per occuparsi di religione ma presto abbandonò tale proposito per unirsi al nascente movimento calcistico.

Praticò molti sport, in diversi eccelse, e nel calcio giocò come portiere (a volte, vista la sua rapidità di corsa, come ala) per più di 15 stagioni, pur senza vincere alcun trofeo né arrivare in Nazionale.

Fu un eccellente corridore, ciclista e giocatore di cricket, ma fu soprattutto un simbolo del calcio contro le barriere della razza, tanto che dal 2012 una piccola statua che lo rappresenta è visibile a tutti nel quartier generale della FIFA.


#06 – Vivian “Viv” ANDERSON

Viv Anderson è stato il primo calciatore di colore a giocare nella Nazionale Inglese: accadde una sera di novembre del 1978, un’amichevole contro la Cecoslovacchia con Ron Greenwood in panchina, e fu la prima di 30 gare disputate con la maglia dei “Leoni di Sua Maestà” per questo possente difensore colored, che si era messo in luce con il Nottingham Forest dei miracoli di Brian Clough.

Anderson in seguito passò all’Arsenal, dove offrì prestazioni di buon livello pur se con qualche giornata no (come ricorda Nick Hornby nel suo libro “Febbre a 90°”) per poi finire al Manchester United dell’allora appena insediatosi Alex Ferguson, dove contribuì a gettare le basi di quella che nel giro di un ventennio diventerà la squadra più importante d’Inghilterra vincendo una FA Cup, una Supercoppa e una Coppa delle Coppe.

Trofei che vanno ad aggiungersi alle due Coppe dei Campioni, le due Coppe di Lega ed il Campionato Inglese vinto con il Nottingham Forest, mentre con la Nazionale ha partecipato a due Mondiali. Termina la carriera tardissimo, prova ad allenare ma non è cosa per lui, tuttavia non molla il Football: attualmente si occupa della gestione del Museo Calcistico Nazionale di Londra.


#05 – José Leandro ANDRADE

Chi lo ha visto giocare racconta di un calciatore incredibile, mai più visto su un campo di calcio: centromediano di classe e sostanza, era in ogni zona del campo e, come furioso recuperava il pallone, ecco che un secondo dopo, con eleganza impostava il contrattacco.

José Leandro Andrade, “La maravilla negra” (“La meraviglia nera”) fu il perno dell’Uruguay che nei primi decenni di storia del calcio vinse tutto: in 11 anni Andrade guidò i suoi alla vittoria di due Olimpiadi, un Mondiale e ben tre Coppe America.

Pilastro inamovibile della Nazionale, dove spiccava anche ma non solo per il colore della pelle, ebbe minor fortuna con i club, vincendo solo un titolo nazionale con il Peñarol. Morì solo e povero, a causa di una tubercolosi che lo aveva reso cieco, ad appena 56 anni.

Una curiosità: nacque a Salto, la stessa città che molti anni dopo avrebbe dato i natali a due stelle dell’Uruguay di oggi, Edinson Cavani e Luìs Suarez.


#04 – John BARNES 

“Giocatori come Barnes arrivano una volta nella vita” disse di lui Tom Finney, leggenda del calcio inglese. “Molti dicono che è il Best nero, ed io dico che può essere”, aggiunse George Best.

John Barnes fu un autentico campione, un’icona del calcio inglese degli anni ’80 e ’90 e una bandiera del Liverpool dove con Aldridge, Beardsley, Houghton e Rush formò uno dei migliori attacchi nella storia del club.

Ala elegante e funambolica, esplose nel Watford prima di passare ai Reds, un amore lungo dieci anni e ripagato dai tifosi che per lui coniarono canti e cori. Giocò nella Nazionale Inglese dove purtroppo non riuscì a ripetere spesso le sontuose prestazioni che offriva in campo nazionale.

Tuttavia è considerato uno dei calciatori più importanti della fine del XX secolo, tanto che gli fu persino dedicato un videogioco. Fuori dal campo fu un esempio, prendendo parte a molti funerali dei tifosi morti nella “tragedia di Hillsborough” e arrivando a rinunciare, per questi impegni, anche a una convocazione in Nazionale.

John Barnes è stato un grandissimo uomo e anche un grandissimo calciatore. Di lui il compagno di club e Nazionale Peter Beardsley ha detto: “E’ stato sicuramente il più grande calciatore con cui ho giocato. Anzi, per tre o quattro anni è possibile che John sia stato il miglior giocatore del mondo”. In carriera ha vinto 2 Campionati, due Coppe d’Inghilterra, una Coppa di Lega e due Supercoppe inglesi.


#03 – Clarence SEEDORF

Essere l’unico calciatore nella storia capace di vincere 4 Champions League con 3 diversi club. Essere nella storia tra i giocatori con più presenze in Europa. E a 37 anni essere il miglior giocatore del campionato brasiliano, sospingendo una squadra mediocre come il Botafogo in testa alla classifica, incantando il pubblico carioca.

Questo – e molto altro – è Clarence Seedorf, probabilmente uno dei centrocampisti migliori che il calcio abbia mai avuto, rarissimo mix di potenza, classe e visione tattica. Un talento che viene da lontano, dalle piantagioni del Suriname dove il nonno schiavo fu liberato dal padrone tedesco assumendo quel cognome.

Seedorf esplose giovanissimo nell’Ajax, dove divenne il più giovane calciatore ad aver giocato in prima squadra, e neanche ventenne disputò e vinse con i lancieri la prima finale di Champions League della sua carriera. Qualche anno dopo la prima tappa in Italia, breve esperienza prima del salto: è Real Madrid, dove a tratti incanta ma che lascia nella sorpresa generale per andare all’Inter.

È una delusione, dovuta ad una serie di incomprensioni tattiche con i tecnici di allora, e quando viene ceduto al Milan si pensa che il suo talento fosse effimero. Mai opinione fu più sbagliata, con i rossoneri viene fuori il miglior Seedorf di sempre, giocatore maestoso e uomo interessante, con miriadi di interessi e che ha successo in ogni campo, dall’impresa al golf.

La sua bacheca, nei dieci anni in rossonero, si riempie di trofei, impressiona la facilità con cui trova la posizione in campo e quasi indispettisce la facilità con cui esegue ogni cosa alla perfezione, dal dribbling in un fazzoletto al lancio illuminante passando per il tiro in porta secco e preciso, suo marchio di fabbrica.

Clarence Seedorf è stato uno dei calciatori più vincenti della storia del calcio: ha conquistato 5 campionati (2 con l’Ajax in Olanda, 1 con il Real Madrid in Spagna e 2 con il Milan in Italia), 5 Supercoppe e 2 Coppe Nazionali (con Ajax e Milan) oltre a 4 Champions League (Ajax, Real Madrid e due volte con il Milan) e sempre da protagonista.

Si è parlato di lui come possibile allenatore del Milan, e non è detto che in futuro questo non si avvererà. Per adesso, come detto, si accontenta di essere il miglior calciatore del campionato brasiliano nel Botafogo, con la cui maglia guida la classifica e dove già ha conquistato un campionato carioca. Così, giusto per non perdere l’abitudine.


#02 – George WEAH

Uno dei più forti calciatori africani che la storia ricordi, per molti il più forte di sempre. George Weah è stato un attaccante completo e micidiale, idolo dei tifosi del Milan ma rispettato da ogni tifoso e temuto in ogni campo visitato.

Esploso in Francia, prima al Monaco e poi al Paris Saint-Germain, Weah arrivò al Milan con buone credenziali ma stupì tutti, rivelandosi molto migliore di quello che già ci si aspettava: in gol subito all’esordio, capace di fare reparto da solo e di unire potenza e velocità, fu autore di un gol da urlo contro il Verona quando prese palla nella sua area e si involò con una progressione impressionante verso la porta rivale facendo fuori ben sette avversari prima di depositare il pallone in rete.

Con il Milan conquista due scudetti ed il Pallone d’Oro 1995, primo – e per ora unico – africano “puro” (l’altro fu Eusébio, ma era considerato a tutti gli effetti un cittadino portoghese) a ricevere questo importante riconoscimento. Per la Nazionale della Liberia, manco a dirlo, fu un icona: leader, capitano, allenatore in campo e spesso anche finanziatore, giostrava da libero in difesa per via della sua esperienza internazionale.

Esploso relativamente tardi, lasciò il Milan a 34 anni per un rapido declino consumatosi prima in Inghilterra e Francia e poi nel modesto campionato Indiano. Pochi anni da Re, dunque, ma in quelle stagioni George Weah è stato sicuramente il miglior attaccante in circolazione ed ha lasciato un ricordo indelebile in ogni fan.


#01 – PELÉ

Nel mondo del calcio sovente assistiamo al dibattito su chi sia stato il miglior calciatore della storia, e spesso la lotta si riduce a due nomi, quello di Maradona e quello di Pelé.

Per chi lo ha visto giocare, però, la lotta si riduce ad un solo nome, ed è quello di Edson Arantes do Nascimiento. Pelé, appunto, il giocatore che più di chiunque altro simboleggia il calcio ed il ruolo di campione totale.

Costretto dalla povertà a giocare in infanzia con un pompelmo al posto di un pallone, Pelé crebbe spaventosamente in pochissimo tempo, tanto che a 15 anni fu introdotto nelle giovanili del Santos e appena un anno dopo già era titolare e capocannoniere del campionato.

Nemmeno maggiorenne fu il centravanti del Brasile che, nel 1958, conquistò finalmente il suo primo Mondiale di calcio.

Pelé ha giocato per quasi l’intera carriera nel Santos ed ha realizzato 1281 reti in 1363 partite. Ha vinto tre Mondiali ed è stato dichiarato nel 1962 “patrimonio nazionale” dal Governo brasiliano per evitare ogni rischio di possibile cessione all’estero.

Ha segnato sei “cinquine”, una trentina di “quaterne” e novantadue “triplette”, inoltre in un incontro (avversario il Botafogo) segnò ben otto reti nell’11 a 0 con cui si concluse l’incontro.

Pelé, “O Rei“, è stato un personaggio che è andato ben al di là del calcio: durante una tournee amichevole in Colombia, ad esempio, l’arbitro lo espulse ed il pubblico andò così fuori di testa che lo costrinse a rientrare in campo. Fazioni in guerra per il dominio della Nigeria stabilirono una tregua per andare a vederlo giocare.

Volò in America, dove fu l’icona del primo tentativo di calcio made in USA, che con il suo ritiro naufragò ovviamente in brevissimo tempo. Insomma, Pelé non è stato un calciatore, bensì il calcio, l’essenza stessa di questo sport: corretto, leale, forte in campo nazionale ed internazionale, carismatico, un leader, un finalizzatore senza eguali ed un eccezionale assist-man.

Potente, velocissimo, acrobatico, abile in ogni fondamentale al punto da rendere facile quello che per molti era impossibile. La perla nera, il Re del calcio. Emblematiche le parole dell’ambasciatore brasiliano presso l’ONU nel momento del ritiro: “Pelé ha giocato a calcio per ventidue anni e durante quel periodo ha promosso l’amicizia e la fraternità mondiali più di qualunque ambasciatore.”

Uno dei tanti motivi per capire quanto sia stupido fare, ancora oggi, questioni sul colore della pelle.