Premi "Invio" per passare al contenuto

Categoria: Curiosità

Le cose più incredibili e divertenti – spesso comiche – del calcio ve le racconto qui!

La nascita della rivalità tra Fiorentina e Juventus

Lunga e travagliata era stata la nascita del calcio nell’aristocratica Firenze, che mentre (1898) si svolgeva il primo campionato italiano di calcio si dedicava ancora ad altri sport all’epoca più in voga – come la “Palla al Bracciale” – riservando al foot-ball uno spazio ristretto in un elitario club di anglo-americani che si aprì parzialmente alla nobiltà cittadina nel suo atto costitutivo: l’allora sindaco di Firenze Pietro Torrigiani fu il primo presidente del “Florence Football Club”, primo vero e proprio club calcistico del capoluogo toscano da cui in seguito sarebbero nate varie altre squadre che per anni si sarebbero sfidate in infuocati derby.

Il Florence Foot-Ball Club nel 1909
Il Florence Foot-Ball Club nel 1909

2 commenti

Bob Marley e il calcio, un grande amore

Il celebre cantante giamaicano Bob Marley (1945-1981), il più famoso esponente del genere “reggae” e tra i musicisti più conosciuti di sempre, era anche un grande appassionato di calcio, che aveva conosciuto da bambino e riscoperto grazie all’amicizia con un grande calciatore della Giamaica, Alan “Skilly” Cole, con cui aveva convissuto per alcuni anni.

Sul suo talento i pareri sono assai discordanti – c’è chi dice che fosse un fenomeno e chi invece che fosse assai mediocre – tuttavia è certo che amasse davvero molto questo sport.

Lascia un commento

Perché si alza la Coppa?

Il gesto di alzare la Coppa per festeggiare la vittoria in una competizione fu “inventato” dal capitano del Brasile Campione del Mondo nel 1958 in Svezia Hilderaldo Bellini, autentica icona del futebol verde-oro. Icona di Vasco da Gama e São Paulo, il difensore di origine italiana fu il leader del primo Brasile capace di vincere un Mondiale, ripetendosi anche nel 1962 in Cile e lasciando la Nazionale dopo i Mondiali del 1966 all’età di 36 anni.

1525416_997031496980479_5322132623966642014_n

Lascia un commento

L’arte e il Subbuteo si incontrano grazie al britannico Terry Lee

La notizia di per se non è tanto nuova, essendo stata pubblicata circa due anni fa dal “Mail Online”, ma ho pensato di riproporla qui per chi l’avesse persa: l’artista inglese Terry Lee, oggi 33 anni, è un grande appassionato di “Subbuteo”, il popolare gioco da tavolo basato sul calcio che spopolava negli anni ’70 e ’80 e che oggi invece è passione per nostalgici e collezionisti pur se si continuano a disputare partite in tutto il mondo e persino competizioni nazionali e continentali.

Un giorno Terry, trovandosi a riparare delle miniature rotte, ha un colpo di genio: ricreare nel Subbuteo i momenti più importanti della storia del calcio.

 

Lascia un commento

#StranoCalcio – Speciale Calciomercato

Da quando il nostro amato sport è diventato professionistico, si può dire che il calciomercato sia la parte che più fa parlare di tutto quello che ruota intorno ad un pallone.

Almeno nei mesi estivi, infatti, le discussioni su tattiche e prestazioni individuali lasciano il posto ai sogni dei tifosi e alle dichiarazioni di dirigenti, agenti e calciatori stessi, pronti a giurare una cosa per poi fare esattamente l’opposto e fare e disfare squadre e carriere.

Centinaia di siti e giornali vivono grazie al calciomercato, grazie ai trasferimenti che avvengono, quelli possibili o anche soltanto quelli vociferati. E se è vero che per il dirigente di un club milionario “fare mercato” non è facile, viste le alte cifre e aspettative in ballo, è vero anche che a bassissimi livelli, quando la pecunia è proprio assente, bisogna pur ingegnarsi in qualche modo per donare al proprio allenatore e ai propri tifosi i giocatori necessari per sognare.

Ecco così che ho pensato di raccogliere per #StranoCalcio le storie più assurde legate ai trasferimenti dei calciatori, storie che cominciano addirittura nel lontano 1921, quando l’Hull City acquista il talentuoso difensore Ernest Blenkinsop.

Il costo? di 100 sterline e un barile di birra, necessario per consolare i tifosi del Cudworth Village delusi dalla partenza di un ragazzo che in carriera arriverà a giocare anche 26 gare con la Nazionale Inglese in un periodo compreso tra il 1928 e il 1933.

Lascia un commento

#StranoCalcio02 – Gol e trofei di un calcio minore

La prima parte (la trovate QUI) di questo post di curiosità calcistica è stata un piccolo successo per questo blog, ed è per questo che ho deciso di farne adesso una seconda.

Il football in fondo ne ha di storie da raccontare, e ogni volta che ne sento una strana la metto da parte per poi scriverla qui. Perché “il calcio è bello perché è vario”…

Lascia un commento
error: Content is protected !!